Gravidanza senza sintomi

By | 23 febbraio 2017

La maggior parte delle future madri, e anche dei futuri padri, è a conoscenza di tutti i sintomi che si possono avvertire, a volte anche già dai primi giorni di inizio gravidanza. Nonostante questo tipo di sintomatologia sia ben chiara e, per certi versi, abbastanza precisa, ogni singola donna ha una personale esperienza della sua gravidanza, soprattutto durante le prime settimane. Può addirittura capitare che non si avverta alcun sintomo, cosa che porta alcune future mamme a temere per la salute del bambino, soprattutto prima di aver fatto la prima ecografia.

Una gravidanza senza sintomi

gravidanza senza sintomiNon è infrequente che una gravidanza abbia inizio senza alcun tipo di sintomo. Alcune donne scoprono di essere incinte solo dopo varie settimane, a volte nel secondo o terzo mese dopo l’annidamento dell’embrione. Questo può accadere soprattutto nei soggetti che hanno abitualmente un ciclo mestruale molto irregolare, con durata difficilmente prevedibile.

Chi è alla ricerca di un bambino può scoprire di essere incinta anche solo dopo aver fatto i test di gravidanza, senza avvertire alcuna nausea mattutina, dolore al seno, appesantimento, stipsi o altri tipi di problematiche. Visto che le testimonianze di altre mamme possono essere molto diverse, alcune donne tendono a preoccuparsi molto durante una gravidanza senza sintomi, perché temono che la mancanza di alcun tipo di problema sia causata dal mancato sviluppo dell’embrione.

Anche se gli aborti spontanei sono possibili, quando il test di gravidanza è positivo e non si manifesta alcun sintomo conviene non preoccuparsi in alcun modo. Anzi, ci si dovrebbe ritenere fortunate, visto che molte mamme invece subiscono problemi che le infastidiscono continuamente.

Sintomi della gravidanza che scompaiono

In alcuni casi i sintomi della gravidanza si manifestano solo nelle prime settimane, per poi scomparire quasi totalmente. Se si ha una totale cessazione di qualsiasi tipo di manifestazione fisica della gravidanza, conviene recarsi quanto prima dal medico; se invece i sintomi tendono ad affievolirsi in genere non c’è da preoccuparsi in alcun modo.

La maggior parte dei disturbi che le future mamme avvertono sono infatti dovuti ai cambiamenti che si svolgono nel loro organismo, che sono per la maggior parte di tipo ormonale. Con il passare delle settimane il corpo di una donna incinta può cominciare ad adattarsi al diverso quadro ormonale e alla presenza dell’embrione. Questo comporta un lento affievolirsi dei sintomi quali nausee mattutine, senso di stanchezza estremo, fastidio nei confronti di alcuni cibi o odori.

Da questo punto di vista è possibile sia che una gravidanza inizi senza alcun tipo di sintomo avvertibile, sia che tali sintomi si presentino in una prima fase, per poi affievolirsi. A volte è anche una questione puramente mentale: si accoglie totalmente la nuova condizione e la si accetta, cosa che rende meno fastidioso qualsiasi tipo di problema.

I cambiamenti fisici

Anche se alcune donne non avvertono alcun tipo di sintomo fastidioso, già durante le prime settimane di gravidanza si possono notare alcuni segni sul corpo, che sono inequivocabili e presenti nel 90%. Un esempio sono le modifiche che si avvertono a livello del seno: i capezzoli diventano più grandi e turgidi, le areole si scuriscono, il seno si gonfia.

Non è possibile indicare con certezza il momento in cui tali segni si iniziano a notare, ma più o meno i sintomi che riguardano le modifiche al seno sono sempre presenti, tranne rari casi. Anche l’aumento della produzione del muco cervicale è un tipo di modifica che avviene in tutte le donne, anche se l’entità di tale cambiamento è diversa da soggetto a soggetto. Può però capitare che tali sintomi a livello fisico non siano notati da una donna, perché scambiati con l’avvicinarsi della fine del ciclo mestruale, o perché il cambiamento è tanto lieve da non poterlo identificare come un vero e proprio sintomo.

I sintomi di una seconda gravidanza

Spesso chi ha già avuto una gravidanza tende a riconoscere più in fretta l’arrivo di un secondo bambino, perché già è a conoscenza di tutto ciò che avverrà al suo corpo. Purtroppo però non è sempre così; non è infrequente infatti che i sintomi di una seconda gravidanza siano del tutto diversi rispetto a quelli della prima.

Le motivazioni sono varie e comprendono lo stato psicologico della futura mamma, che ha un atteggiamento molto meno ansioso nei confronti di questo evento. Inoltre buona parte delle modificazioni che si verificano in una primipara in molti casi non sono avvertibili in caso di seconda gravidanza. La maggior parte dei piccoli fastidi che si verificano nelle prime settimane di gravidanza sono dovuti ad una serie concomitante di eventi e situazioni.

Le modifiche a livello ormonale sono una delle principali motivazioni, ma non le uniche. Infatti anche lo stress lavorativo, l’ansia per la futura gravidanza, l’età della futura mamma e il rapporto che ha con il partner sono tutti elementi che possono contribuire a rendere più o meno pesante la gravidanza. Altre cause sono poi del tutto aleatorie, quindi molte madri possono narrare di avere avuto due o più gravidanze totalmente diverse tra loro.

Quando i sintomi scompaiono

Alcuni sintomi della gravidanza sono tipici di precisi periodi della gestazione. Ad esempio le classiche nausee mattutine si avvertono, di solito, nel primo trimestre, così come la stanchezza e il senso di spossatezza. Se tali sintomi scompaiono con il passare del tempo si tratta di un fenomeno del tutto naturale.

Quando questo avviene alcune donne temono che si tratti di un aborto spontaneo. Anche se tale caso si può verificare è importante non preoccuparsi se si notano delle leggere variazioni nei sintomi dovuti alla gravidanza. Nel corso delle settimane infatti l’organismo della donna va incontro ad una serie di variazioni, alcune delle quali sono di durata molto breve.

In ogni caso è però sempre importante effettuare i controlli periodici, come gli esami del sangue e le ecografie del feto. Questo ci consente di intervenire rapidamente nel caso in cui ci siano delle problematiche di qualsiasi tipo. Esistono delle patologie che portano alcune donne ad avvertire in modo minore i sintomi della gravidanza, ad esempio l’ovaio policistico. Questa condizione porta ad avere una gravidanza spesso totalmente priva di sintomi, almeno nelle prime settimane.

2 thoughts on “Gravidanza senza sintomi

  1. Adriana

    Buonasera mi chiamo Adriana ho avuto ultimo ciclo il 4 magio e il 29 ho avuto le gocce rosse prima maroni che devo fare aiuto grazie

    Reply
  2. Adriana

    Buonasera io ultimo ciclo lo avuto 4 maggio ma il 29maggio ho avuto le perdite marone poi rossa ho dolori di testa di schena aiutatemi xfavore che devo fare grazie mille

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *